Carciofi alla giudia


Carciofi alla giudia: la ricetta completa dei carciofi fritti alla giudea.

carciofi alla giudiaI carciofi alla giudia (o carciofi alla giudea) sono una specialità tipica della tradizione romana, che deriva dalla cucina ebraica. Il termine “giudeo” significa infatti “della Giudea, ebreo”.
I carciofi fritti alla giudia in origine erano la pietanza con cui gli ebrei spezzavano il digiuno del kippur, lungo 24 ore, nel giorno dedicato alle preghiere per l’espiazione.
Oggi, i carciofi alla giudia sono uno dei piatti forti dei ristoranti nel cuore del centro storico di Roma, dove si trova l’antico ghetto ebraico.

Preparare i carciofi alla giudea è in realtà relativamente semplice: si tratta di aprire i carciofi “a fiore”, scostando le foglie l’una dall’altra, per poi friggerli in abbondante olio.
Per la scelta dei carciofi, il mio consiglio è quello di utilizzare dei carciofi romani (anche chiamati “cimaroli romaneschi“) o carciofi della Riviera, poiché queste qualità sono più tenere.

La ricetta dei carciofi alla giudia permette di cucinare dei carciofi fritti molto saporiti e abbastanza facili da preparare, se si seguono dei piccoli accorgimenti e segreti su come preparare e come friggere i carciofi.
Vediamo di seguito come cucinare i carciofi alla giudia, da servire come appetitoso antipasto o come contorno.

Preparazione carciofi alla giudia

Ingredienti per 4 persone:

  • carciofi romani (“cimaroli”)
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • olio per friggere
  • sale
  • pepe

Per prima cosa, pulite i carciofi: togliete le foglie esterne più dure e mondate il gambo, così da lasciarne solo circa 3-4 cm. Adesso immergete i carciofi in acqua fredda e succo di limone per almeno 20 minuti, così da evitare che scuriscano. (Questo metodo è utilizzato, ad esempio, anche per non far annerire la frutta a pezzetti, quando si prepara la macedonia).

Sgocciolate i carciofi e scostate leggermente le foglie, come fossero petali di un fiore, così da aprire un po’ il carciofo. Posate poi i carciofi su un tagliere di legno a testa in giù e pressateli sul piano da lavoro, perché le foglie si allarghino ancor di più. Questa operazione va effettuata con molta cura, per evitare di rompere i nostri ortaggi.
Adesso salate e pepate i carciofi, sia dentro che fuori.

Cottura dei carciofi alla giudia

Per ottenere dei carciofi fritti croccanti è necessario tenere a mente qualche trucco degli esperti della cucina.
Fate scaldare abbondante olio in una padella dai bordi alti e immergetevi dentro i carciofi.
Perché questa frittura riesca bene, è necessario che i carciofi siano completamente immersi nell’olio bollente.
Il tempo di cottura dei carciofi alla giudia è di 10-12 minuti.
Mentre i carciofi friggono, rigirateli con l’aiuto di due forchette, facendo attenzione a non rompere le foglie.

Dopo questa prima fase, quando i carciofi avranno assunto un bel colore dorato, toglieteli dall’olio con una paletta bucata e fateli asciugare nella carta assorbente. Per capire quand’è il momento di togliere i carciofi, testate con una forchetta la base del gambo: la consistenza deve essere leggermente al dente.

Adesso passate alla seconda fase di frittura: fate scaldare di nuovo l’olio a fiamma vivace e immergetevi uno alla volta i carciofi, tenendoli infilzati alla base con una forchetta, per circa 3-4 minuti.
Le foglie si apriranno come un fiore e diventeranno croccanti e saporite.
Togliete i carciofi dall’olio e adagiateli su un telo da cucina o carta assorbente.

Note: I carciofi fritti alla giudea vanno serviti caldissimi: potete mangiarli subito dopo averli cotti, oppure riscaldarli in forno appena prima di metterli in tavola.

Ti è piaciuta questa ricetta? Vorresti essere aggiornato sulle nostre ricette e i nostri consigli in cucina?
Iscriviti subito alla newsletter di Ricette di Gusto!


Carciofi alla giudia
Tempo di preparazione: 40M
Tempo di cottura: 25M
Tempo totale: 1H5M
Voto:
Basato su 0 Recensioni
La ricetta ti è piaciuta?
VOTA ADESSO
loading...