Ricette di Gusto

Mostarda

Mostarda, come prepararla correttamente a casa

 

Qual è la ricetta originale per preparare la mostarda in casa? Come si fa per renderla davvero squisita? Ebbene, la mostarda rappresenta una salsa molto particolare, ideale per accompagnare stufati di carne oppure bolliti. Tipica dell’Italia settentrionale, viene utilizzata tantissimo anche in accoppiamento con dei formaggi. In realtà, la storia della mostarda inizia già a partire del 1288. In un testo francese viene chiamata per la prima volta “mustum ardens”. Questo termine, a dire il vero, era riferito al mosto di vino ardente, ovvero piccante. Poi la ricetta vera e propria si diffonde intorno al ‘600 soprattutto nel Nord Italia e viene utilizzata in maniera preponderante e diffusissima, come una vera e propria tradizione, nel periodo del Natale. Scopriamo insieme qual è la ricetta originale della mostarda e come fare per renderla davvero gustosa.

Mostarda, gli ingredienti

Esistono tanti tipi di mostarde che si possono preparare, ma la più famosa è la mostarda di Cremona. Poi ci sono quella Mantovana e quella Veneta. Per realizzare la mostarda tipica della zona di Cremona c’è un tempo di preparazione di circa un’ora e una fase di riposo che dura complessivamente 3 giorni. Per la ricetta, dovete comprare:

  • 200 grammi di pesche
  • 200 grammi di uova
  • 200 grammi di prugne
  • 300 grammi di zucchero bianco
  • 6 gocce di essenza di senape.

Come preparare la mostarda

Se volete preparare la mostarda dovete iniziare pulendo tutta la frutta accuratamente e tagliandola in pezzi, dopo aver tolto tutti i noccioli. Poi, cospargetela con lo zucchero bianco, mescolate lentamente e fate macerare in luogo fresco per circa 24 ore. Una volta che è trascorso questo tempo, mettete la frutta in un pentolino. Portate a ebollizione aggiungendo mezzo bicchiere d’acqua. Una volta che la frutta si sarà caramellata andandola a cuocere per circa 5 minuti, fate scolare e fate riposare per altre 24 ore. La stessa procedura deve essere fatta anche aggiungendo l’essenza di senape. Dopo, il composto, va fatto “riposare” per un altro giorno.

Leggi di più  Olive in salamoia

I consigli preziosi per preparare la mostarda

Completata la procedura citata, la mostarda è pronta per essere assaggiata. Però è importante seguire dei consigli affinché sia perfetta. Utilizzate sempre frutta di stagione che non sia troppo matura. Questo è importante per evitare che si ammorbidisca troppo nella fase di cottura. Rispettate poi i tempi di macerazione e quelli di riposo, in modo tale da dare il giusto sapore e l’adeguata consistenza alla crema. Poi, tagliate la frutta in pezzi grandi, in modo che quando l’avrete inserita nel barattolo della conserva, sarà più facilmente pronta. Durante la cottura, poi ricordatevi di non aggiungere troppa acqua. Infatti, lo zucchero si scioglierà e alla fine anche la frutta rilascerà i suoi succhi. Quindi cercate di non allungare troppo lo sciroppo quando mettete l’assenza di senape del composto. Diversamente può avere un effetto stordente, in quanto si tratta di un’essenza particolarmente forte. Durante la fase di sia di cottura che di riposo, non dovete chiudere il coperchio della pentola. Questo infatti, potrebbe andare a rovinare l’intera preparazione. Poi, sterilizzate il barattolo prima di procedere alla conservazione. Infine, ricordate: la vostra mostarda si potrà conservare per circa 12 mesi in dispensa.


Mostarda
Tempo di preparazione: PT1H
Tempo di cottura: PT15M
Tempo totale: PT1H15M
Voto: Vota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelle
Basato su Recensioni
La ricetta ti è piaciuta?
VOTA ADESSO
Ti piace questa ricetta?
Share on Facebook
Share on Twitter
Share on Linkdin
Share on Pinterest
Lascia un commento

Lascia un commento

searchbtcat
Potrebbe interessarti anche...