Pranzo di Natale

Idee originali per il Pranzo di Natale

 

Decidere cosa cucinare per il pranzo di Natale può essere un po’ difficile. Le idee non bastano mai soprattutto per chi vuole essere legato alle tradizioni, ma creando qualcosa anche di alternativo. A tal fine, ecco cosa vi consiglio per il pranzo di Natale, sono i piatti che io stesso ho deciso di preparare a casa mia per questo giorno così importante!

Antipasti per il pranzo di Natale

Per il pranzo di Natale, come antipasto quest’anno preparerò dei carciofi pastellati e fritti. Per realizzarli basta procurarsi 4 carciofi, olio di semi per friggere, un limone e un po’ di acqua quanto basta. Invece, per la pastella servono 250 grammi di farina 00, 300 grammi di birra rossa, 5 grammi di lievito istantaneo, un tuorlo e un cucchiaino di sale. Una volta puliti i carciofi e lasciati in ammollo con un po’ di limone, dovete realizzare la pastella mescolando gli ingredienti. Poi, immergete i vostri carciofi nell’olio bollente e friggete per qualche minuto: il gioco sarà fatto e avrete un antipasto davvero sfizioso! Di certo però non possiamo non pensare anche a degli antipasti a base di pesce: infatti, ho deciso di realizzare anche cozze e capesante gratinate. Per realizzare la gratinatura, basta un po’ di mollica di pane: usate un mixer per mescolarla con prezzemolo, timo, maggiorana e un po’ di scorza di limone. Coprendo capesante e cozze con questo mix e mettendo tutto per qualche minuto in forno, avrete un antipasto gustoso e semplice da realizzare.

Pranzo di Natale, i primi piatti

Chi vuole realizzare un primo piatto della tradizione di certo, non può perdersi i tortellini alla carne in brodo. Vi consiglio di prepararli in casa con la classica ricetta della pasta all’uovo ripiena di carne mista. Realizzate poi, il brodo a base di carne o quello vegetale per il condimento. In alternativa però, si può anche pensare a qualcosa di più creativo, come ad esempio il risotto allo champagne e scampi. Questo risotto si realizza con il riso Carnaroli e un po’ di champagne, circa 750 ml. Quando cuocete gli scampi, però, ricordatevi di conservare il sugo di cottura in modo poi, da usarlo per il risotto dopo averlo fatto tostare. I risultati saranno davvero eccezionali, soprattutto per il particolare sapore dello champagne, da sfumare e mantecare nel corso della cottura.

I secondi piatti per il pranzo di Natale

Scegliere i secondi piatti per il pranzo di Natale, talvolta non è facile. Se volete puntare su secondi a base di carne vi consiglio il filetto alla Wellington, ovvero quello in crosta di pane. Si realizza comprando un filetto di manzo e realizzando intorno una crosta di pane. Questo filetto va avvolto con prosciutto crudo e poi abbracciato con pasta brisè, in una sfoglia molto sottile. Una volta pennellato con l’uovo, è pronto per essere cotto in forno per circa 60 minuti. In genere, io vi abbino i funghi champignon. Invece, chi vuole optare per il pesce può provare qualcosa di semplice, come l’orata all’acqua pazza oppure frittura di gamberetti, pesci di misti e calamari. Quest’ultimo sarà di certo un piatto apprezzato da grandi e piccini!

Dolci per il pranzo di Natale

Alla fine del pranzo di Natale non possono mancare i dolci della tradizione come il pandoro e il panettone. Tra le soluzioni però, più particolari, si può anche decidere di realizzare qualche dolce sfizioso. Ad esempio, la pastiera di grano tipica della tradizione Campana oppure una torta Red Velvet, il cui rosso richiama il colore della tradizione natalizia. L’unico limite è quello della fantasia!


Pranzo di natale
Voto: Vota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelleVota Ricette di Gusto - 1 stelle
Basato su 0 Recensioni
La ricetta ti è piaciuta?
VOTA ADESSO
Ti piace questa ricetta?
Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Lascia un commento

Lascia un commento

searchbtcat
Potrebbe interessarti anche...